Villa Terracina

Villa Terracina

Una villa confinante con la sabbia

Il cliente desidera restaurare tutta la casa e mi affida 3 ambienti importanti: l’ ingresso, il bagno e la veranda.

Per l’ ingresso il pavimento originale in cotto degli anni 60 verrà mantenuto essendo ancora sanissimo e ci tengo a preservarne l’ originalità, subirà solo un trattamento superficiale rinvigorente, le pareti necessitano di luci artificiali perchè l’ambiente è molto buio, l’ ingresso principale rimane sul lato strada ed essendo a Nord c’è poca illuminazione naturale, decido per un abbassamento che inviti l’ ospite a seguire la direzione per il locale principale al centro della casa che offre una vista mozzafiato.

Le pareti le vedo a righe, alternate alla tinta unita, il divanetto da lettura è contemporaneo in tessuto color juta, le poltroncine a pozzetto in vimini da conversazione nell’angolo evocano paesi esotici e preannunciano il sapore del resto dell’abitazione.

Le mensole ASPO sopra il divano oramai mi accompagnano in tutti i progetti , sono materiche, rusticate e finite a cera , assieme ai libri che sorreggono raccontano già una storia.

Lo specchio è di un rigattiere di Porta Genova a Milano e il mobile sotto è uno svuota-tasche  in legno materico , effetto sbianchito,  avete presenti i legni bianchi in spiaggia erosi dal mare? Ecco cosi’ 🙂 

 

Nel bagno ho integrato il box doccia e il piatto a filo pavimento sulla parete della finestra

perche lo spazio era asfissiante e questa soluzione mi permette di sfruttare meglio il volume ricavando così un box doccia matrimoniale e l’allineamento della geometria risparmiando in fastidiosi spigoli sporgenti dei box quadrati.

Il mobile è sospeso ed è realizzato in rovere anticato, color botte chiara con un piano unico in gress ceramico che integra i due lavabi , le rubinetterie sono super slim e lo specchio è su pannello senza mensole con integrati dei led sia nella parte superiore (luce + forte) che inferiore (illuminazione leggera del piano) 

Le piastrelle sono cemento per esaltare il caldo colore del mobile, il termoarredo è blu a campione come l’ ingresso , il blu è il leitmotiv che intreccerà tutti gli ambienti.

La veranda è la punta di diamante della villa perche offre una splendida vista sulla spiaggia ,

mi sono concentrato principalmente sui materiali dato che l’ utilizzo è prevalentemente nei momenti dedicati ai pasti e al relax pomeridiano quindi non erano necessari troppi orpelli.

Il tavolo è il centro della zona ed è in onice indonesiano, monolitico, eterno. Le sedie sono in alluminio con cuscinerie blu e intreccio sullo schienale in corda canapa, affacciandosi sul lato dx ho pensato a una panca in cemento armato fatta in opera con una cuscineria in memory trattato idrorepellente per avere un appoggio e perche no un bel sonnellino pomeridiano.

I tessuti sono tutti idrorepellenti e si possono lavare con una idropulitrice.

Le pareti sono tutte rivestite in pietra naturale cosi’ come le colonne, alla sommità di queste ho inserito due bastoni con lunghi tendaggi in cotone ecrù ispirati alle riad marocchine che possono ombreggiare durante il pomeriggio e contemporaneamente creare un movimento plastico essendo la zona ben ventilata.

Sopra il tavolo due ceste modificate fanno da paralume alle lampade led ad alta efficienza e sotto la panca dei micro faretti a led illuminano il camminamento.

VEDI ALTRE RISTRUTTURAZIONI

OFFICINEX MILANO

    Scrivi il tuo nome (campo obbligatorio)

    Scrivi il tuo numero di telefono (campo obbligatorio)

    A cosa sei interessato?

    ------------------------------------------------------------------------------------------------

    Quando preferiresti fissare l'appuntamento?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *